7 marzo 2011

Ray Kurzweil: l'accelerazione tecnologica ci salverà dai problemi ambientali

Ray Kurzweil

Kurzweil non ha bisogno di presentazioni, è uno dei più grandi futurologi del nostro tempo che ha derivato la maggior parte dei suoi pronostici dalla legge dei ritorni accelerati ovvero l'idea che le tecnologie dell'informazione progrediscono in modo esponenziale. Nel caso dei computer, questa non è solo una teoria, ma una tendenza osservabile:  la potenza di elaborazione del computer è raddoppiata ogni due anni, per quasi mezzo secolo. Kurzweil ritiene inoltre che questa legge empirica può essere applicata all'energia solare. Come parte di un panel convocato dall'Associazione Nazionale degli Ingegneri, Kurzweil insieme con Larry Page, il co-fondatore di Google, ha concluso che la tecnologia dell'energia solare sta migliorando a un ritmo tale che sarà presto in grado di competere con i combustibili fossili.

Sul blog The Daily Need, la giornalista Lauren Feeney ha intervistato il futurologo in merito a queste sue previsioni riguardo ai cambiamenti climatici e all'energia solare. Ecco gli stralci più interessanti liberamente tradotti (per leggere l'intervista integrale in inglese qui).

Lauren Feeney: Hai fatto una previsione sul futuro dell'energia solare...

Kuzweil: Una delle mie tesi principali è che le tecnologie dell'informazione crescono in modo esponenziale in capacità, potenza, larghezza di banda e così via. Se si acquista un iPhone oggi, esso è due volte migliore rispetto a due anni fa per la metà del costo. Questo sta accadendo con l'energia solare che raddoppia ogni due anni. E [tale aumento esponenziale dell'energia solare] non è cominciato due anni fa, ma 20 anni fa. Ogni due anni, abbiamo il doppio dell'energia solare nel mondo.

Oggi, il solare è ancora più costoso rispetto ai combustibili fossili, e nella maggior parte delle situazioni, ha ancora bisogno di sovvenzioni o di circostanze particolari, ma i costi stanno scendendo rapidamente: siamo a solo pochi anni di distanza dalla parità. Poi essa continuerà a calare nel costo, e la gente graviterà sempre più intorno all'energia solare anche se non gli importasse nulla dell'ambiente a causa dell' economia.

Proprio ora costituisce solo un mezzo punto percentuale di energia del mondo. Le persone tendono a respingere le tecnologie, quando sono un mezzo per cento della soluzione. Ma raddoppiando ogni due anni, significa che mancano soli otto raddoppiamenti prima di soddisfare al cento per cento l'energia di cui il mondo ha bisogno. E questo avverrà tra 16 anni. Aumenteremo il nostro utilizzo di energia elettrica nel corso di tale periodo, in modo da aggiungere un altro paio di raddoppi: in 20 anni tutti soddisfaceremo il nostro fabbisogno energetico con il solare, sulla base di questa tendenza che è già in corso da 20 anni.

La gente dice che siamo a corto di energia. Questo è vero solo se ci atteniamo a queste vecchie tecnologie del 19° secolo. Siamo inondati di energia dalla luce solare.

Feeney: Hai una visione molto ottimistica del futuro e anche eccentrica. Credi che alla fine saremo in grado di vivere per sempre, e forse anche di portare indietro le persone dalla morte. In che modo la crescita della popolazione influenzerebbe l'ambiente? Un sacco di gente ha paura della sovrappopolazione come uno dei fattori principali nel cambiamento climatico.

Kurzweil: Le stesse tecnologie che stanno per prolungare la vita e accrescere la popolazione biologica stanno anche per  espandere le risorse. Abbiamo appena parlato di energia, poichè sta per esaurirsi, ma in realtà siamo inondati di energia. Siamo inondati da acqua, gioco di parole intenzionale. Soltanto che la maggior parte è sporca e inquinata. E sappiamo come convertirla oggi [in acqua pulita], ma ci vuole energia, ed è per questo che è costoso. Una volta che l'energia è poco costosa, si può creare acqua.

C'è tutta una serie di nuove tecnologie alimentari. Stiamo per muoverci da questa rivoluzione dell'agricoltura orizzontale che è accaduta 10.000 anni fa a quella che si chiama agricoltura verticale con cui coltiviamo piante, frutta, verdura e carne in fabbriche informatizzate da parte dell'intelligenza artificiale; piante idroponiche curate da robot intelligenti per creare frutta e verdura, carni clonate in vitro, fondamentalmente solo clonando la parte dell'animale che si vuole mangiare, che è il tessuto muscoloso. Non vi è alcun motivo creare un animale intero per arrivare alle parti che vogliamo mangiare.

Il punto è che le stesse tecnologie destinate ad aumentare la longevità umana stanno anche espandendo le risorse e, infine, le rendono molto poco costose.

Feeney : Lei parla di ciò che si succede invece di ciò che può accadere. Ma ci sono molti ostacoli per affrontare i cambiamenti climatici - lo stallo politico, l'apatia dei consumatori. Sei preoccupato che le cose che prevedi possano non accadere a causa di questi ostacoli?

Kurzweil: La mia tesi principale, che io chiamo la legge dei ritorni accelerati, non è influenzata dal tipo di cose a cui ti riferisci. La crescita esponenziale della computazione che è misurata in molti modi diversi continuò per tutto il ventesimo secolo, completamente insensibile a piccole cose come la prima e seconda guerra mondiale e la Grande Depressione. Non è stato affatto influenzata dalla recente recessione economica. Questa crescita esponenziale di energia solare è proseguita tra alti e bassi.

Poiché il costo per watt di energia solare scende significativamente al di sotto del carbone e del petrolio, la gente punta su quella per motivi economici. Non sarà una questione politica.

Feeney : Un sacco di scienziati del clima dicono che abbiamo circa 10 anni per capovolgere la situazione, altrimenti arriveremo a un punto di non ritorno che ci condannerà tutti. Pensi che stiamo per farlo?

Kurzweil: Anche se tali scadenze fossero corrette, ci sarà una trasformazione entro 10 anni e sicuramente entro 15 o 20 anni. La maggior parte della nostra energia sarà proveniente da queste fonti rinnovabili. Quindi, penso che abbiamo un sacco di tempo. Penso che possiamo farcela nel punto in cui queste fonti rinnovabili stanno per subentrare. E penso che ci sono ragioni, oltre ai cambiamenti climatici, per allontanarsi da combustibili fossili - ricordiamo che l'intera fuoriuscita del petrolio non è cambiamento climatico, è semplicemente inquinamento. Ma io non vedo accadere un disastro prima che possiamo ottenere la tecnologia rinnovabile necessaria, perché essa sarà molto presto a portata di mano.

Immagine in alto: Ray Kurzweil, di Chuck Holton

Nessun commento: