3 marzo 2011

In memoriam Robert Bradbury

E' con grande tristezza che ho letto, su Extro-chat, dell'improvvisa morte di Robert Bradbury, all'eta' di 54 anni. Robert e' il creatore del concetto di Matrioshka Brain e ricordo che era molto attivo negli anni '90 su Extro-chat (a un certo punto era anche stato un direttore dell'Extropy Institute). In seguito ha dedicato le proprie energie ad uno sforzo di ricerca longevista, sottoforma della sua Aeiveos Corporation. Tragicamente, non ha mai firmato un contratto crionico - ancor piu' tragico e' il fatto che l'emorragia cerebrale che l'ha ucciso l'abbia colpito in Florida, dove la Alcor ha una decente rete di supporto che sarebbe stata in grado di intervenire rapidamente. Alla tristezza della notizia della morte di qualcuno che conoscevo (per quanto solo online) si aggiunge la triste consapevolezza che si trattava di una persona dotata della conoscenza necessaria ad apprezzare l'opzione crionica, ma che per qualche motivo non sia riuscito a trarne vantaggio... Il fatto che la sua morte sia stata improvvisa e' stato probabilmente il fattore determinante. Come qualcuno ha commentato su Extro-chat, la "cosa migliore" da questo punto di vista e' un tumore che dia abbastanza tempo di organizzare il tutto...

5 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi interessa molto questo argomento e sicuramente se potessi vivere + allungo troverei da fare,sono curioso per tutto quello che il futuro riserva e di tutto quello che potrei imparare ed avere esperienza , ho letto che le prime terapie anti invecchiamento potrebbero uscire se non sbaglio fra 15anni(spero) ,quello che mi chiedo è: a che età si pensa andrebbe presa la "pillola" anti invecchiamento per goderne a pieno i vantaggi? Ho provato a cercare ,ma non riesco a trovare una risposta. Ho 32 anni e in ottima salute forse un pò incarne ,ma si può rimediare, spero di poterne beneficiare .

Estropico ha detto...

In questo video Aubrey de Grey prova ad analizzare l'impatto di future terapie longeviste applicate a diverse eta':

http://www.youtube.com/watch?v=_2sF0l0ed0s

Le buone notizie sono che se saranno applicate in eta' non avanzatissima, potrebbe essere possibile raggiungere quella che ha descritto come "velocita' di fuga della longevita'". Qui sotto un articolo al proposito:

La velocità di fuga della longevità e la Singolarità. Intervista a Aubrey de Grey.

http://estropico.org/index.php?option=com_content&view=article&id=168:la-velocita-di-fuga-della-longevita-e-la-singolarita&catid=37:longevismo&Itemid=76

Ciao,
Fabio

Anonimo ha detto...

Grazie Fabio per la rapida risposta ,ma non ho capito il calcolo dietro il grafico dove fa vedere la VFL in pratica. Ho capito che + uno è giovane quando arriverà la VFL più vivrà allungo , ma sono curioso di fare qualche calcolo per avere dei numeri precisi .
Grazie in anticipo

Estropico ha detto...

Condivido la tua curiosita', ma non e' un progetto da poco. Lo metto sulla mia lista mentale di "cose da fare", ma non prometto niente...
Ciao,
Fabio

Anonimo ha detto...

ok grazie