23 agosto 2010

Quant'è potente la "lobby degli OGM"?

Sfrutto il lavoro fatto da Atroce Pensiero e copio/incollo il suo articolo:


AtrocePensiero: Quant'è potente la "lobby degli OGM"?:

"Un grafico che non apporta assolutamente nulla al dibattito sugli OGM, ma almeno dovrebbe tappare un po' la bocca a quelli che 'le potenti...' "

3 commenti:

giacomo ha detto...

Hai informazioni anche sugli utili di Coop e Monsanto?
Quello del fatturato è un dato che non serve a molto e trae in inganno, dato che i margini sono presumibilmente diversi: quello che conta è l'utile.

giacomo ha detto...

Hai informazioni anche sugli utili di Coop e Monsanto?
Quello del fatturato è un dato del tutto relativo e ingannevole, dato che i margini sono presumibilmente diversi: quello che conta è l'utile, non il fatturato.

extropolitca ha detto...

Perché non li cerchi e li posti tu?
La mia impressione è che la Monsanto faccia più utili della Coop semplicemente perché vende prodotti che la gente desidera comprare e non basa il suo modello di impresa sulla protezione politica delle giunte di Sx delle regioni (che notoriamente cercano di limitare la concorrenza alle Coop che li finanziano o di cui erano/sono/saranno dirigenti lautamente pagati - vedi il libro "Falce e Carrello") e su vantaggi fiscali che le normali imprese non hanno. Tra le alre cose, le Coop hanno la possibilità di finanziarsi a prezzi bassissimi dai loro soci (che non contano nulla nella gestione), bypassando le banche, cosa che le società normali non possono fare. Solo che con la marea di liquidità che hanno, hanno deciso di darsi alle imprese finanziarie e, negli ultimi due anni i loro profitti sono scesi di molto, nonostante gli alimentari siano un settore anticiclico (che va bene durante i periodi di crisi).

Da quel che evdo, ma potrei leggere male i numeri, la Monsanto nell'anno fiscale 2009 ha ottenuto un profitto di 6.8 miliardi di $ prima del pagamento delle tasse. Il ritorno del capitale investito era del 24% nel 2008 e del 25% nel 2009.

Se le Coop invece di investire in mattoni speculando, invece di rincorrere il denaro facile, invece di coltivare il sottobosco politico, si fossero date più da fare per produrre servizi e prodotti richiesti dal pubblico, forse i loro utili sarebbero stati più in linea con quelli della Monsanto che con quelli della Parmalat.

Non solo, la Monsanto ha aumentato gli investimenti in Ricerca e Sviluppo al 9% annuale delle vendite, quindi circa 1 miliardo di $. La Coop fa Ricerca & Sviluppo? Oppure preferisce far modificare i piani regolatori e le licenze commerciali dai suoi ex amministratori eletti nei comuni e nelle provincie e nelle regioni, in modo da impedire alla concorrenza di vendere prodotti a prezzo inferiore al suo e aprire nuovi centri commerciali?

Sarà per questo che, dalla Liguria, molta gente va a fare la spesa in Piemonte? Perché in Liguria ci sono quasi solo centri commerciali delle Coop, mentre in Piemonte ci sono anche centri commerciali di catene come Auchan e Carrefour?

Mi piacerebbe veder sbarcare WalMart in Italia, a dare una scossa al mercato. In particolare in Emilia Romagna, Toscana e Liguria.