8 dicembre 2009

CO2 permette agli animali marini di costruire più conchiglie

L’altro giorno ho scritto di come alcune spugne siano ben felici dell’aumento della CO2 e di come questo si traduca in più cibo per gli animali della barriera corallina. Oggi scrivo di come più CO2 permetta ad alcuni molluschi marini di produrre carapaci più spessi (mentre altri sembrano continuare a produrne nella stessa quantità). Quando, negli ultimi anni, le temperature non hanno seguito l’andamento della CO2 al rialzo, alcuni sostenitori della teoria del Antropogenic Global Warming [AGW] hanno inventato una nuova scusa per giustificare comunque la riduzione delle emissioni industriali e civili di CO2 (ma non parlano mai di quelle agricole): l’acidificazione degli oceani avrebbe danneggiato l’ecosistema marino “irreparabilmente”. A quanto pare, però, l’ecosistema marino ha gusti differenti rispetto a quanto previsto dagli esperti sostenitori dell’ AGW. Fortunatamente, gli scienziati della Woods Hole Oceanographic Institution non erano interessati a nascondere il declino come quelli del CRU.

Un po’ di dettagli sulla chimica marina e perché l’acidificazione degli oceani è una truffa.

Oh snap! CO2 causes some ocean critters to build more shells - Watts Up With That?

3 commenti:

Anonimo ha detto...

"più CO2 permetta ad alcuni molluschi marini di produrre carapaci più spessi (mentre altri sembrano continuare a produrne nella stessa quantità) [...] l’acidificazione degli oceani avrebbe danneggiato l’ecosistema marino irreparabilmente. A quanto pare, però, l’ecosistema marino ha gusti differenti"

Gli articoli che si citano andrebbero letti completamente...

http://wattsupwiththat.com/2009/12/01/oh-snap-co2-causes-ocean-critters-to-build-more-shells
Oh snap! CO2 causes some ocean critters to build more shells

Conversely, some organisms—such as the soft clam and the oyster—showed a clear reduction in calcification in proportion to increases in CO2.

Ries concurs that any possible ramifications are complex. For example, the crab exhibited improved shell-building capacity, and its prey, the clams, showed reduced calcification. “This may initially suggest that crabs could benefit from this shift in predator-pray dynamics. But without shells, clams may not be able to sustain their populations, and this could ultimately impact crabs in a negative way, as well,” Ries said.

In addition, Cohen adds, even though some organisms such as crabs and lobsters appear to benefit under elevated CO2 conditions, the energy they expend in shell building under these conditions “might divert from other important processes such as reproduction or tissue building.”

Since the industrial revolution, Ries noted, atmospheric carbon dioxide levels have increased from 280 to nearly 400 ppm. Climate models predict levels of 600 ppm in 100 years, and 900 ppm in 200 years.

The bottom line is that we really need to bring down CO2 levels in the atmosphere.

extropolitca ha detto...

E il primo commento sotto l'articolo è stato:
Circular reasoning at its best!

Allora:
degli animali producono più carapace con più CO2, altri meno.
Da questo si deduce che bisogna ridurre la CO2. Perché?

Perché? Perché lo dice l'IPCC.
Perché lo dice l'IPCC, perché lo dice il CRU e i suo amico del GSS.
Che hanno buttato i dati e hanno tenuto solo quelli "migliorati e corretti". Ma come possiamo sapere che sono stati migliorati e corretti? Perché lo dicono loro?

Sarà strano che quando gli scettici mettono le mani sui dati reali (quelli che non sono stati cancellati o manipolati) e tolgono via le correzioni (dopo averci lavorato settimane o mesi - visto che gli apocalittici si rifiutano di spiegare come fanno i calcoli in modo preciso), il riscaldamento sparisce o è insignificante?

A Central Park hanno due stazione, a cui hanno applicato una correzione per l'Effetto Isola Urbana di Calore. L'effetto dipende dalla popolazione, quindi va sottratto alla temperatura. Il che è ragionevole. Ma, improvvisamente, le ricostruzioni delle temperature mostrano un improvviso aumento negli ultimi anni. Dopo un po' di lavoro da parte degli scettici salta fuori che negli ultimi anni la correzione è diminuita drasticamente (e quindi le temperature ricostruite appaiono in salita), come se la popolazione di New York fosse diminuita fino a 1,5 milioni di persone (invece dei 7-8 reali).
Perché la correzione non è più congruente con la popolazione?
nessuno lo spiega, men che meno chi ha prodotto il grafico delle temperature e le usa per spiegare che esiste il Riscaldamento Globale.

Tra questi e Vanna Marchi l'unica differenza è che questi hanno il sostegno economico e politico di tanti governi, che usano le loro affermazioni per giustificare "Tasse, tasse, tasse".

Anonimo ha detto...

Io non sono entrato nel merito della questione CO2.

Ho semplicemente fatto notare che le affermazioni fatte nel post:

"più CO2 permetta ad alcuni molluschi marini di produrre carapaci più spessi (mentre altri sembrano continuare a produrne nella stessa quantità) [...] l’acidificazione degli oceani avrebbe danneggiato l’ecosistema marino irreparabilmente. A quanto pare, però, l’ecosistema marino ha gusti differenti"

erano contraddette dall'articolo citato dal post stesso:

http://wattsupwiththat.com/2009/12/01/oh-snap-co2-causes-ocean-critters-to-build-more-shells
Oh snap! CO2 causes some ocean critters to build more shells

Come ho già commentato su un altro post, l'ambiente è un argomento molto serio, mentre spesso viene preso per un campo di battaglia dove farsi la guerra armati delle proprie ideologie (è tutto vero vs. è tutto falso).