16 novembre 2009

La "matusalemmita' " di Aubrey de Grey



Mi ricollego al mio post sulle previsioni per i prossimi 25 della World Future Society (WFS) di qualche tempo fa. Entro il 2025, secondo al WFS, le aspettative di vita media cresceranno di un anno, ogni anno. Questa idea, apparentemente semplice, e' in realta' carica di future shock. Consideriamone le conseguenze: statisticamente, chiunque arrivera' al 2025 aggiungera' un anno alle proprie aspettative di vita ad ogni compleanno. Le forze che ci stanno portando in quella direzione, per quanto non ancora completamente comprese, sono ovviamente in moto da tempo - al momento aumentiamo le nostre aspettative di vita di circa il 20% di un anno, ogni anno. E dato che non si vede ragione per cui tali forze si debbano fermare, una volta superato il 2025 le aspettative di vita aumenteranno di piu' di un anno per ogni anno che passa. Per ogni anno che se ne va' potremo aggiungere piu' di un anno alle nostre aspettative di vita... Per dirla come Aubrey de Grey, nel video qui sopra, diventeremo biologicamente piu' giovani, man mano che diventeremo cronologicamente piu' vecchi. De Grey ha battezzato questo fenomeno "velocita' di fuga della longevità" (vedi il recente La velocità di fuga della longevità e la Singolarità. Intervista a Aubrey de Grey, su Estropico). Il concetto di velocita' di fuga e' preso a prestito dalla meccanica celeste - ecco la definizione di Wikipedia: "la velocità minima iniziale a cui un oggetto 'senza propulsione' deve muoversi per potersi allontanare indefinitamente da una sorgente di campo gravitazionale". Il campo gravitazionale nel nostro caso non e' quello di un pianeta, ma quello di morte e invecchiamento. Ma de Grey si spinge oltre e ha creato un neologismo per questo concetto, quello di "Matusalemmita' " - un mix di Matusalemme (con riferimento alla Methuselah Foundation da lui fondata per promuovere la ricerca biomedica longevista) e Singolarita' (tecnologica). Eccone la definizione (dal video qui sopra, filmato al recente Singularity Summit): la Matusalemmita' (o Velocita' di Fuga della Longevita') e' il tasso a cui le terapie di ringiovanimento dovranno progredire (una volta raggiunta quelle che de Grey ha descritto come "robuste" terapie di ringiovanimento umano), per poter tenere e superare il passo dell'accumulazione di quelle lesioni [causate dal normale metabolismo e che causano l'invecchiamento] che ancora non e' possibile riparare.

Nessun commento: