11 maggio 2009

Salute e Longevità

Vorrei segnalare questo interessante articolo del dott. Todd Ovokaitys, un medico che lavora presso John Hopkins University, si occupa di terapie anti-età e sembra avere delle buone referenze. L'articolo in questione si occupa in particolare di quel fenomeno inerente l'invecchiamento cellulare denominato "metilazione", metodologia con cui nell'organismo umano si va a danneggiare il nostro DNA tramite la perdita dei suoi gruppi metilici. Uno stralcio:

"Differenti livelli di ridotta metilazione del DNA sono associati con il rischio di specifici problemi di salute. Una perdita del 20% di metilazione della citosina incrementa il rischio di certi tumori, particolarmente dell’apparato digerente e riproduttivo. Questo rappresenta una perdita di organizzazione informativa sia nella replicazione dei tessuti che nella sorveglianza immunitaria ideale. Una perdita di approssimativamente il 40% dei gruppi metilici dai livelli della nascita, per gli esseri umani e altre specie di mammiferi, è usualmente associata con il crollo degenerativo dell’organismo. Lo spostamento di gruppi metilici interferisce con la regolazione delle funzioni del DNA e con la preservazione dell’integrità delle cellule e dei tessuti. Rallentare, fermare e invertire la perdita di gruppi metilici dal DNA è un processo che rallenta, ferma e perfino inverte l’invecchiamento al livello dello stesso DNA. Un meccanismo collegato che riguarda il tempo del DNA è la lunghezza dei telomeri. Telos è il termine greco che significa “fine”, per cui i telomeri sono la fine dei cromosomi. Quando le cellule si dividono, la sequenza inizialmente lunga dei codoni dei telomeri tende a scheggiarsi in una lunghezza più corta. I telomeri vengono paragonati ai rivestimenti protettivi collocati dove terminano le stringhe delle scarpe per prevenire che esse si sfilaccino. Quando la lunghezza del telomero si riduce a un livello critico le cellule tendono a perdere la loro capacità di replicarsi. Il segnale della chimica del sangue che indica una metilazione indebolita del DNA è l’elevazione dell’omocisteina..."

Torniamo quindi a parlare della famigerata omocisteina ed Ovokaitys propone tre metodi per combattere la metilazione in un testo davvero interessante che consiglio di leggere per intero a questo link.

Nessun commento: