14 febbraio 2009

Un chip che ricostruisce tessuti umani

Un'equipe di ricercatori dell'Università di Edimburgo ha messo a punto una tecnica per ricostruire tessuti umani danneggiati. La tecnica permette ai neuroni (cellule del sistema nervoso umano) di crescere su un chip di silicone che, inseriti nel corpo umano, permetterebbero la ricostruzione dei nervi e dei tessuti. Nello specifico il chip viene immerso in una miscela brevettata di proteine e i neuroni crescono lungo la superficie del modello. La tecnica funziona anche con le cellule staminali. Gli scienziati oltre a sostenere che lo sviluppo di chip potrà consentire di sostituire le fibre nervose o muscolari danneggiate hanno detto che potrebbe essere utilizzato in futuro anche per lo sviluppo di protesi. Il Prof. Alan Murray, a capo della Facoltà di Ingegneria ed Elettronica dell'Università di Edimburgo, che ha guidato la ricerca, ha dichiarato: "Questo è un piccolo ma importante passo sulla strada verso l'obiettivo a lungo termine - di molti scienziati e medici esperti - per sviluppare impianti chirurgici utilizzando chip di silicio." Aggiungendo che "Si sta andando verso il regno della fantascienza". Fonte: BBC News

Nessun commento: