12 febbraio 2009

Su Estropico: Dove sono loro? Perché mi auguro che la ricerca di vita extraterrestre nel cosmo possa non trovare nulla, di Nick Bostrom

Il grande fisico italiano Enrico Fermi durante un congresso nel 1950 al Los Alamos National Laboratory pose la domanda "Dove sono Loro?" ai suoi colleghi scienziati. La domanda si riferiva al fatto che gli sembrava strano che non ricevessimo alcuna trasmissione extraterrestre dallo spazio. Se è vero che li fuori ci sono milioni di pianeti simili al nostro e se almeno una piccola percentuale di essi ha sviluppato vita intelligente perché non riceviamo nessuna trasmissione radio? La gente fu molto eccitata nel 2004, quando il Rover Opportunity della NASA scoprì una prova che su Marte un tempo poteva esservi stata acqua. Qualora si trovi dell’acqua, significa che vi può essere stata vita [...] Tale scoperta sarebbe di enorme importanza scientifica. Che cosa potrebbe essere più affascinante di scoprire la vita che era evoluta in piena indipendenza dalla vita qui sulla Terra? Molte persone trovano anche incoraggiante sapere che non siamo soli in tutto questo vasto, freddo cosmo. Ma io spero che le nostre sonde su Marte non possano mai scoprire nulla! Sarebbe una buona notizia se si trovasse che Marte fosse completamente sterile: rocce e sabbie senza vita: Questo solleverebbe il mio spirito. Viceversa, se verranno scoperte tracce di alcune semplici, estinte forma di vita (alcuni batteri, alcune alghe) sarebbe una cattiva notizia. Se verranno scoperti fossili di qualcosa di più avanzato, forse qualcosa che sembrano i resti di un trilobite o addirittura lo scheletro di un piccolo mammifero, allora la notizia sarebbe da ritenere pessima! Più complessa è la forma di vita che troviamo, più deprimente la notizia sarebbe. Essa sarebbe certamente interessante da un punto di vista scientifico ma allo stesso tempo risulterebbe un cattivo presagio per il futuro del genere umano. Leggi tutto, su Estropico.

1 commento:

Rico ha detto...

non cè bisogno di tutte queste congetture arzigogolate.
Se come civiltà siamo sulla terra da 4000 anni o poco di piu' su un totale di 4 miliardi di anni di vita del nostro pianeta cmq sia già questo ci dovrebbe far paura per il passato e per il futuro. Dal nostro unico metro di paragone disponibile, la vita sulla terra come singola specie ha visto varie distruzioni e rinascite, quella piu' conosciuta dei dinosauri. Quindi anche su questo si puo' congetturare alla stessa maniera del grande filtro passato o futuro senza scomodare chissa che alieni.
in conclusione già lo sappiamo di rischiare l'estinzione prima o poi, se ci fosse la vita oltre la terra o meglio ancora gli alieni evoluti sarebbe solo meglio e non peggio. Almeno sapremmo che x qualche milione di anni la nostra civiltà "potrebbe prosperare" e avanzare verso una conoscenza profonda dell'universo come ha già fatto qualche possibile civiltà aliena , e qualche milione di anni visto la nostra breve vita e storia penso che basti e avanzi.....anke se a malincuore :-(