14 febbraio 2009

Crisi economica e dieta sana

C'e' aria di crisi, ma non e' necessario sacrificare la dieta sana e il proprio regime longevista. Un articolo sul sito della Life Extension Foundation offre alcuni suggerimenti:
-compra frutta e verdura in stagione;
-grani e legumi secchi costano meno se comprati in confezioni piu' grosse;
-lascia stare il biologico. L'articolo sostiene che il "biologico" sia meglio del "tradizionale" (io direi che un verdetto definitivo e' ancora lontano), ma fa notare a chi volesse risparmiare comprando non-biologico, che cipolle, asparagi, piselli, cavoli, melanzane, avocado, ananas, mango, kiwi e banane contengono in genere meno pesticidi (e, aggiungo io, lavate quello che non sbucciate in acqua tiepida con una goccia di sapone liquido per i piatti);
-compra barbabietole, cavoli, verze, sardine, sgombro e tonno in scatola, zucche e simili, avena (se non conosci il porridge, aggiungo io dopo vent'anni in Gran Bretagna, provalo e sii creativo), uova, noci e semi (non sempre economici, pero'. Evitare quelli tostati e salati. Consumare frequentemente, ma in piccole quantita'), fagioli secchi.

Nessun commento: