14 ottobre 2016

La ricerca dell'immortalita' e' arrogante - Richard Dawkins


Il gene egoista, Il fenotipo esteso, e L'orologiaio cieco, sono state tre letture giovanili che hanno profondamente influenzato la mia visione del mondo e che, anche se allora non lo sapevo, sono stati fra i miei primi passi nel viaggio che mi porto', anni dopo, ai temi cari a questo blog. Ma come gia' piu' volte discusso nella sezione Transumanesimo e ateismo, anche se buona parte dei transumanisti sembra essere atea, non c'e' dubbio che la maggior parte degli atei non siano transumanisti....

Il video qui sopra e' vecchio di cinque anni, ma e' il perfetto esempio di come molti atei preferiscano affrontare il problema della propria mortalita': con un rigido stoicismo giustificato con ansie da sovrappopolazione.

Il problema, come ho gia' scritto qui, "e' che il sottoscritto sta perdendo la pazienza con quegli atei, agnostici e razionalisti che avendo rigettato la speranza di una salvazione metafisica, non sanno prendere il passo logico successivo. Di fronte all'oblìo sul nostro orizzonte personale non riescono o non vogliono riconoscere che l'unica speranza di salvezza sia lo sfuggire ai limiti della nostra fragile, effimera umanita'."

E per quanto riguarda la sovrappopolazione, posso solo consigliare la sezione Demografia del blog, per esorcizzare ansie ingiustificate...

Nessun commento: