1 giugno 2016

La glicina combatte gli effetti negativi della metionina (un'alternativa alla restrizione calorica?)


Meno metionina, meno ossidazione e meno invecchiamento. Questo, brutalmente, il messaggio del video qui sopra. La dieta vegetariana e' particolarmente povera di questo ammino acido, il che potrebbe spiegarne i vantaggi salutisti-longevisti.

E' possibile limitare l'assunzione di metionina nella dieta in tre modi: indirettamente, con la restrizione (i cui effetti sull'estensione della vita negli esseri umani sono pero' tutt'altro che chiari e che comporta enormi sacrifici e volonta' di ferro); la restrizione proteica (anch'essa non priva di problemi); il limitarsi a consumare proteine di origine vegetale (molto piu' bassi contenuti di metionina di quelle di origine animale).

Temo che nessuna di queste tre opzioni mi alletti particolarmente. Per fortuna il video sbaglia e, in realta', ne esiste anche una quarta...

In un esperimento su ratti, la somministrazione di glicina ha contrastato gli effetti negativi di una
dieta ricca in metionina. [1]

Un altro esperimento [2], sempre su ratti da laboratorio, ha dimostrato come la somministrazione di glicina imiti gli effetti di una dieta povera di metionina sulle speranze di vita dei roditori in questione.

Inoltre, "alcuni studi hanno trovato una correlazione positiva tra l'assunzione di glicina, sia per via endovenosa che orale, e un aumento della secrezione di GH" (ormone della crescita) e sembra avere un impatto positivo sulla qualita' del sonno.

Come non bastasse, e' uno di quelli ammino acidi che ha un sapore facilmente tollerabile: e' dolce come lo zucchero!

[1] Effect of dietary glycine on methionine metabolism in rats fed a high-methionine diet.

[2] Dietary glycine supplementation mimics lifespan extension by dietary methionine restriction in Fisher 344 rats

Il post di Reddit dal quale sono partito.

Nessun commento: