26 febbraio 2016

I cibi preparati e il rischio PAMP (pattern molecolari associati a patogeni)

Cibi a basso (a sinistra) e alto (a destra) contenuto di PAMP
Questa poi! Avete presente quelle confezioni di verdure gia' pronte per la cottura? Sembrano ideali per chi volesse aggiungere un po' di verdura alla propria dieta risparmiando tempo. E invece no...

Uno studio appena pubblicato (vedi sotto) ha utilizzato una nuova tecnica per misurare i livelli di pathogen-associated molecular patterns (PAMPs), che potrei tradurre come "pattern molecolari associati a patogeni" (anche se non esiste una traduzione italiana di pattern!)

I PAMP sono rilasciati da certi batteri durante la loro crescita in alcune fasi della lavorazione e refrigerazione di prodotti alimentari e sembrano aumentari i rischi di problemi cardiovascolari e di diabete mellito di tipo 2. La cosa interessante e' che essi sono solo stati trovati nei cibi preparati, e non in quelli "freschi" e non stiamo parlando solo di verdure (l'immagine in cima dovrebbe dare l'idea molto chiaramente).

Secondo il Dr Clett Erridge, della University of Leicester, "in uno studio di 11 volontari in buona salaute, l'aderanza ad una dieta a basso contenuto di PAMP per una settimana ha causato una significativa riduzione del 18% in colesterolo LDL (quello "cattivo") e una riduzione dell'11% in globuli bianchi. I volontari hanno anche perso in media 0,6 kg e la circonferenza addominale e' stata ridotta in media di 1,5 cm nel corso della dieta low-PAMP. Questi sono fattori di rischio per le malattie cardiovascolari e il diabete di tipo 2."

Certo, il campione e' molto piccolo (solo 11 volontari) e come sempre in questi casi, una rondine non fa primavera (cioe', aspettiamo che altri gruppi confermino i risultati), ma i risultati sono notevoli - penso che i due strumenti qui sotto mi saranno particolarmente utili da oggi in poi....


Ecco l'abstract: Reduced dietary intake of pro-inflammatory Toll-like receptor stimulants favourably modifies markers of cardiometabolic risk in healthy men

ScienceDaily: Bacterial molecules discovered in processed foods could unlock key to healthier diets

Nessun commento: