8 dicembre 2015

Una critica (feroce) della Singularity University


Seguo con interesse la Singularity University (SU) dalla sua nascita e ne segnalo spesso le iniziative. Oggi, invece, ne segnalo una feroce critica, sotto forma del video qui sopra, del gestore di SingularityWeblog (Nikola Danaylov, meglio noto come "Socrates").

Riassunto brutale delle accuse, se l'inglese e' un problema:

Socrates inizia citando tre testi fondamentali per chiunque si occupi di Singolarita' Tecnologica e dintorni e scritti da tre colonne portanti di SU: The Singularity is Near (Ray Kurzweil), Abundance (Peter Diamandis) e Exponential Organizations (Salim Ismail). 
L'accusa, in pratica, e' che la SU predica bene (vedi i tre libri qui sopra), ma razzola male... Si fa pagare cifre da capogiro per i propri corsi nei quali chiede ai partecipanti le seguenti domande: hai sentito parlare della Singolarita'? Dell'abbondanza (nel senso del termine usato da Diamandis)? Delle organizzazioni esponenziali? Per poi sostenere che se vogliono che la propria organizzazione sopravviva ai cambiamenti all'orizzonte dovra' adottare le strategie elaborate da SU. Il problema e' che SU non mette in pratica quanto predica: non e' un'organizzazione esponenziale e il suo obiettivo non e' l'abbondanza. 
Il suo vero obiettivo, sospetta Socrates, e' quello tipico delle start up di Silicon Valley: creare un nuovo business, farlo crescere per qualche anno, venderlo per milioni di dollari (probabilmente a Google, secondo Socrates).
Vedo poi, su Singularity Weblog, che Socrates e' stato contattato dal presidente di SU (Rob Nail), in seguito alla sua presentazione, e che fra i due e' iniziato un dialogo, per cui ci saranno probabilmente altri sviluppi...

Nessun commento: