12 febbraio 2015

Droni, droni, droni dappertutto...

Si parla sempre di droni micidiali, ma ci sono (o sono in progetto) anche applicazioni piu' costruttive... C'e' chi li vuole utilizzare per rivoluzionare la distribuzione in Africa circumnavigando il problema della mancanza di infrastruttura, un po' come i telefonini, sempre in Africa, hanno bypassato la mancanza di infrastrutture telefoniche.

E c'e' chi pensa a loro come future ambulanze volanti (vedi immagini a fianco): "In caso d’emergenza contano i secondi per salvare vite umane! Come ottenere ambulanze più veloci in ambienti urbani? Nel suo concept, lo studio di progettazione statunitense argodesign, ha pensato bene di sostituire le quattro ruote, con quattro eliche di dimensioni generose: l'ambulanza volante del futuro? Il quadcopter potrebbe così evitare il traffico, e arrivare anche autonomamente sul luogo dell’incidente, grazie alla precisione del punto Gps, ma anche con un pilota a bordo in grado di assistere il ferito. Un drone in grado di contenere una barella, e progettato per atterrare quasi ovunque, grazie ad un ingombro dalle dimensioni di una piccola vettura utilitaria."

Un ultimo esempio di drone "buono" e' quello qui a fianco, studiato per la ricerca di feriti all'interno di edifici in caso di catastrofi/incidenti. Andra' a sbattere contro un muro navigando un corridoio? Non e' un problema: Flyability e' stato progettato per essere "a prova di scontro" (e' protetto dalla gabbia buckminsterfullerinesca che vedete nella foto). Fra l'altro ha appena vinto un milione di dollari in investimenti ad una competizione organizzata dagli Emirati Arabi Uniti intitolata Drones For Good...

In attesa dell'invasione dei droni "buoni", pero', state attenti a dove fate volare quello che vi hanno regalato a Natale...

Nessun commento: