26 novembre 2014

L'Europa perdera' un lavoratore su sei a causa dell'invecchiamento


L'utilizzo del potere della forza lavoro anziana e' un pilastro di ogni strategia di lungo termine per rivitalizzare la crescita economica in Europa. Rising From the Ashes, pubblicato dall'International Longevity Centre (ILC), stima che l'Eurozona potrebbe perdere un lavoratore su sei a causa dell'invecchiamento della popolazione e dimostra come il maggiore coinvolgimento di gruppi di eta' piu' avanzati potrebbe dare un significativo contributo ai tassi di crescita economica nei prossimi 40 anni.

Il rapporto rivela come i lavoratori sopra i 50 anni hanno contribuito €2,5 trilioni al PIL dell'Eurozona nel 2013. In assenza di un sostanziale incremento della produttivita' della forza lavoro che bilanci il calo dell'occupazione, le percentuali di crescita del PIL a testa dell'Eurozona potranno solo raggiungere l'1% per anno fino al 2050. Entro quella data, il maggiore coinvolgimento di coloro sopra i 50 anni di eta' potrebbe portare il 12,6% in piu' in termini di produttivita' individuale, rispetto ad un coinvolgimento ai livelli attuali.

l'ILC sostiene che l'UE deve investire nel training a tutte le eta', sviluppare e utilizzare nuove tecnologie e incoraggiare la maggior partecipazione degli over 50 alla forza lavoro.
Fonte: International Longevity Centre UK, Rising from the ashes: the role of older workers in driving Eurozone recovery


Nessun commento: