13 novembre 2014

Il caffe' al burro

Per i piu' coraggiosi...

La ricetta e' di Dave Asprey, il guru del biohacking di BulletProof, e l'idea gli e' venuta dopo una tazza fumante di te' tibetano al burro. Per quanto disgustosa l'idea possa sembrare di primo acchito, il risultato mi piace...

Ecco la ricetta che uso io (questa invece e' quella ufficiale di Asprey): versate il caffe' (all'americana o estremamente lungo, cioe' una tazza e non una tazzina) in un frullino, aggiungete l'equivalente di un paio di cucchiai (da tavola) di burro e un paio di cucchiai di burro di cocco (Asprey usa acidi grassi a catena media, ma il burro di cocco ne e' ricco). Frullate il tutto. Bevete - se ne avete il coraggio...

Il risultato e' una specie di caffe' al latte potenziato, non solo dal punto di vista delle calorie, ma anche dal punto di vista nutrizionale - almeno se si accetta l'approccio bulletproof di Asprey, cioe' una sua versione personale delle varie diete paleo. Io lo bevo, ogni tanto, come unico componente della mia prima colazione quando sono in fase low-carb o in fase di "digiuno proteico" cioe' quando sto limitando l'assunzione di carboidrati o proteine (ma di questo mi occupero' piu' avanti). Come molti aficionados del caffe' al burro, ne confermo gli effetti stimolanti dovuti non alla caffeina, alla quale sono piu' che assuefatto, ma, almeno in teoria, al fatto che burro e olio di cocco siano brain foods. Per quanto riguardo il cocco l'ingrediente segreto sarebbero gli acidi grassi a catena media di cui sopra, e nel caso del burro l'interessante acido butirrico.

A proposito di burro: da qualche anno sembra essere stato riabilitato e il ruolo di cattivo sembra essere passato a quella che, una volta, era descritta come un'alternativa piu' salutare, la margarina. Qui il sito di un fan del burro, con molti collegamenti a studi scientifici al proposito e questa e' una review degli studi al proposito: Meta-analysis of prospective cohort studies evaluating the association of saturated fat with cardiovascular disease

Chiudo facendo notare che Asprey consiglia di usare solo il burro di mucche allevate al pascolo e il caffe' e gli acidi grassi a catena in vendita sul suo sito, prodotti sicuramente di qualita', ma il cui uso non ritengo indispensabile.

Nessun commento: