26 marzo 2014

Stampanti 3D umanitarie: la Open Biomedical Initiative

Segnalo la Open Biomedical Initiative, un'iniziativa tutta italiana, nonostante il nome, tesa a sfruttare la tecnologia emergente delle stampanti 3D a scopi umanitari.
Nel mondo più di 30.000.000 di indiviui hanno bisogno di protesi e l'80% non può permettersele, più di 30.000 ospedali, centri, comunità umanitarie hanno bisogno di Tecnologie Biomedicali (hardware e software) ma il 60% utilizza mezzi di fortuna; più di 1.000.000.000 di persone povere nei paesi emergenti e 100.000.000 in quelli industrializzati non potrebbero permettersi dispositivi biomedicali di base.
Il costo di una protesi, di un microscopio, di un elettrocardiografo, di un software di gestione ospedaliero va dalle poche alle diverse decine di migliaia di euro: sono estremamente precisi, affidabili, tecnologici.
Il nostro obiettivo non è competere a questi livelli, ma permettere a persone, ospedali, centri, comunità umanitarie, in paesi sviluppati e non, di poter beneficiare di Tecnologie Biomedicali (hardware e software) che seppur tecnologicamente inferiori ma ugualmente sicure, possano essere una scelta quando completamente assenti o una possibilità per chi le preferirà.

Open Source

Tutti i nostri progetti sposano a 360° la filosofia Open Source. Saranno totalmente accessibili nella documentazione e nella componentistica hardware e software.
Da un lato vogliamo che chi utilizzi queste Tecnologie Biomedicali sappia nel minimo dettaglio come siano state realizzate, dall'altro crediamo che un approccio Open Source potrà migliorare la sicurezza non solo delle suddette, ma anche di quelle in commercio, se anche solo alcuni loro moduli seguissero questa strada.

3D Printing

Le Stampanti 3D esistono da decenni permettendo la realizzazione di oggetti tridimensionali e funzionanti. Da qualche anno, tuttavia, non sono più prerogativa di aziende ed officine, ma sono entrate nelle case delle persone: chiunque può acquistarle o costruirle a poco prezzo.
Molti nostri progetti sfrutteranno proprio questa tecnologia, in modo tale da poter far arrivare i nostri dispositivi in luoghi a volte difficilmente accessibili, eliminando quindi ogni limite geografico e dando sempre la possibilità all'utilizzatore di essere anche il loro realizzatore.
Basterà scaricare le immagini vettoriali, la relativa documentazione e dove presente il software, e persone, ospedali, centri, comunità umanitarie, in ogni parte del mondo e con un alto grado di personalizzazione, avranno la possibilità di realizzare ciò di cui hanno bisogno.

Collaborations

Ci sono diversi gruppi e persone nel mondo che condividono molti dei nostri punti di vista. Sono delle realtà magnifiche che stimiamo tantissimo: Robohand, Not Impossible Labs, D-Rev, Open Hand Project, Bionicohand, Manu Prakash, E-Nabling, ed altri.
Singolarmente hanno raggiunto traguardi impressionanti e questo ci dà ancora più modo di pensare che tutti insieme possiamo riuscire in questa ambiziosa iniziativa. Vorremmo quindi collaborare con loro, offrire una piattaforma che permetta un lavoro collettivo, unirci per fare ancora di più di quanto faremmo da soli.
Vorremmo inoltre collaborare, insegnando e fornendo supporto, con le varie comunità che potrebbero aiutarci a diffondere questa nuova impostazione e questo tipo di biomedica accessibile a tutti, ma anche con quelle realtà che trattano singoli aspetti specifici e che con il loro background tecnico potrebbero aiutarci enormemente.

Organization

All'inizio eravamo un paio di persone, dovevamo discutere principalmente di quale impostazione dare a questa iniziativa e capire quale potesse essere il miglior progetto con cui partire. Utilizzavamo la semplice posta elettronica, un'account di google drive su cui archiviare i vari file, spesso facebook. Dopo poco più di due settimane il nostro numero era triplicato, continuavamo a parlare sempre di quali scelte fare e ad utilizzare gli stessi mezzi.
A poche settimane dalla nascita di questa idea il numero di persone è ulteriormente cresciuto, abbiamo iniziato a lavorare al nostro primo progetto e abbiamo capito che quel modo di agire non poteva essere quello più efficiente: siamo distanti geograficamente, lavoriamo in momenti diversi, dobbiamo confrontarci, c'è bisogno di una rete di supporto.
Abbiamo deciso allora di lavorare parallelamente anche ad una piattaforma che permetta non ad uno solo, ma a molti progetti, di vedere la luce; che permetta a persone lontane di poter collaborare, che faciliti la gestione per i responsabili dei progetti; che dia la possibilità ai volontari di essere un riferimento per chi è nelle loro vicinanze, che unisca. Questo aspetto sarà in continua evoluzione perchè riteniamo che alla base di un'iniziativa così variegata ci debba essere una robusta organizzazione, che non faccia perdere mai il controllo di ciò che si sta facendo.

You

Abbiamo bisogno di TE, che stai leggendo e che sei arrivato qui. Vogliamo che questo progetto sia fatto da tutti, per tutti. Ogni aiuto è prezioso e non importa quale sia il tuo lavoro, la tua posizione sociale, il tuo background culturale, il luogo dove abiti: ogni persona può fare del bene in un'infinità di modi.
Sia che tu voglia unirti ad un nostro progetto o avviarne uno nuovo, sia che tu voglia chiedere ad altre persone di realizzare un dispositivo per una tua esigenza o che tu voglia essere un riferimento (ad esempio mettendo a disposizione la tua stampante 3D o le tue conoscenze per chi è vicino a te), sia che tu voglia contribuire a divulgare questa iniziativa o che tu voglia proporre modifiche a qualche aspetto, sia che tu voglia suggerirci una strada percorribile o che tu voglia semplicemente dirci la tua: FALLO. Vogliamo che tutti siano protagonisti.

Projects

First Hand (nome provvisorio)

Tipo: Protesi
First Hand è il nostro primo progetto. Il nome è stato scelto per questo, ma anche perchè il nostro obiettivo è creare una protesi funzionante ad un costo estremamente contenuto e con un supporto completo per la sua realizzazione.
A breve ci saranno i primi aggiornamenti sull'andamento del progetto e la presentazione di nuovi. Se voleste partecipare o proporne altri contattateci qui o qui.

Nessun commento: