25 febbraio 2014

Ibernazione umana: un tedesco su cinque la prenderebbe in considerazione

Sorprendenti risultati da uno studio condotto in Germania su mille rispondenti di eta' fra i 16 e i 69 anni:

  1. il 47% dei rispondenti ha sentito parlare della crionica (o ibernazione umana)
  2. il 22% "potrebbe immaginare di avere il proprio corpo criopreservato dopo la morte"
  3. per il 53% e' "importante" utilizzare i piu' recenti sviluppi medico-scientifici, un'attitutine descritta dai ricercatori come correlata all'accettazione della crionica. 
Nell'insieme, pero', lo studio porta sia buone che cattive notizie, come spiegano i ricercatori nelle loro conclusioni: lo studio dimostra che la crionica e' conosciuta ed accettata, entro certi limiti, ma una grande percentuale dei rispondenti non crede sia desiderabile utilizzare tecnologie mediche per sconfiggere la morte e rigetta la possibilita' di una "continuazione della vita post-mortem" (il riferimento mi sembra diretto a crionica e simili e non ad alternative metafisiche). Immagino, ma ho accesso solo all'abstract, che questa "grande percentuale" sia il 47% che non condivide l'attitudine del 53% al punto 3, qui sopra.

Ecco lo studio: Attitudes and acceptance toward the technology of cryonics in Germany

Hat-tip a Rockstar Research.

Nessun commento: