3 luglio 2013

Mezzo milione di visite per Estropico Blog - o sono 600.000?!

Qualche mese fa, questo blog ha superato le cinquecentomila visite (dal settembre 2007). Sono dati da prendere con le pinze dato che: 1) il blog e' nato quattro anni prima di quella data, e quindi quella cifra e' stata superata gia' da tempo. 2) per qualche misterioso motivo il counter ha smesso di funzionare poco dopo il giro di boa del mezzo milione. 3) secondo un altro conta-visite, quello di Blogger (in fondo alla colonna di destra del blog), il giro di boa e' invece gia' stato fatto da tempo e piu' rapidamente, dato che siamo gia' ben sopra le 600.000 visite (dal maggio 2008).

Ad ogni modo, oltre al tener d'occhio le visite, un'altra misura della salute del blog e' quella di chi lo segue, tramite le varie piattaforme. Facciamo due conti: la newsletter mensile ha piu' di 450 iscritti; su Facebook abbiamo quasi 300 Like; gli iscritti al feed RSS variano di giorno in giorno ma la media sembra essere sopra ai 350; Twitter: cento e rotti; NetworkedBlogs: sopra i 130; GoogleFriendConnet: un'ottantina; non ho dati su quanti ricevano i post via email. Mettendo tutti questi dati insieme, per quanto arbitraria l'operazione, giusto per avere una vaga idea, diciamo che Estropico ha circa 1300 "followers", in senso lato.

Sono soddisfatto? Lo sarei se quel mezzo milione fosse non di visite, ma di italiani "infettati" coi nostri memi, ma ovviamente quello non e' il caso, dato che molte visite sono da parte di lettori abituali e molte sono di lettori di passaggio che non torneranno mai. Al massimo stimerei la comunita' transumanista italiana intorno a qualche centinaio (e usando una definzione larga ed elastica di "transumanista"). D'altra parte queste cose richiedono tempo, anche perche' il nostro "messaggio" puo' essere ostico, per una serie di ragioni - fra le quali questa e', secondo me importante. Inoltre, quando Estropico e' apparso in rete c'era ben poco materiale di interesse estropico (e' proprio quello il motivo della sua nascita), ma da qualche mi ritrovo sempre piu' spesso a segnalare articoli della grande stampa dedicati proprio ai "nostri", ormai non piu' oscuri, temi...

Nessun commento: