17 luglio 2013

Dieta mediterranea e ipercolesterolemia; calcio e magnesio nell'acqua e fragilita' femorale; fumo e alimentazione protettiva; cacao e profilo lipidemico-metabolico.

Le news di NFI - Nutrition Foundation of Italy

Già in età pre-puberale l’alimentazione di tipo mediterraneo permette di controllare l’ipercolesterolemia e lo spessore della parete carotidea in soggetti dislipidemici, sia normopeso, sia sovrappeso. Una ricerca italiana dimostra che la classica dieta mediterranea riesce a riequilibrare i llivelli di colesterolo e, di conseguenza, a diminuire lo spessore dell’intima-media carotidea anche in bambini (età 7,5 anni +/-2) ipercolesterolemici e con eccesso ponderale.

Un buon apporto di calcio, ma anche di magnesio, dall’acqua potabile rappresenta un fattore protettivo nei confronti della fragilità femorale in uomini e donne adulti e anziani . Bere regolarmente acqua ricca di magnesio (e calcio) sembra contribuire alla diminuzione del rischio di fratture di femore in entrambi i sessi, nella fascia d’eta 55-85 anni.

Nei forti fumatori ultra 50enni l’adesione a una dieta ad alto contenuti di grassi vegetali, fibre e vitamine risulta protettiva nei confronti del rischio di neoplasie polmonari. Una ricerca coordinata dallo IEO di Milano dimostra che un’alimentazione ad alto contenuto di oli vegetali polinsaturi, frutta, verdura e cereali diminuisce sgnificativamente, in donne e uomini forti fumatori di 50 anni e più, il rischio di carcinoma al polmone.

Il cacao in polvere fornisce antiossidanti e fibre in grado di migliorare il profilo lipidemico e metabolico di soggetti sani e moderatamente ipercolesterolemici. Una bevanda a base di cacao e latte parzialmente scremato, consumata regolarmente, aumenta il colesterolo HDL e riduce glicemia a digiuno e interleuchine pro-infiammatorie in adulti ambosessi (18-55 anni) sia sani, sia con un moderato incremento della colesterolemia totale.

Nessun commento: