28 marzo 2013

Unabomber messicani anti-nanotech





Vi ricordate l'Unabomber (quello americano)? Beh, sembra avere ispirato imitatori non solo in Italia, ma anche in... Messico. Con particolare enfasi anti-nanotecnologica. Ecco l'unico articolo in italiano che sono riuscito a trovare sulle loro recenti attivita': Bio-terroristi in salsa messicana - Timore per il gruppo che minaccia di bombardare le università e uccidere gli scienziati (Giornalettismo). Dal manifesto degli ecoterroristi: “Abbiamo già detto che agiremo senza nessuna pietà per difendere la Natura selvaggia. Coloro che vogliono modificare e distruggere la Terra pensavano forse che le loro azioni non avrebbero avuto conseguenze? Credevano che non ci fosse un prezzo da pagare? Beh, si sbagliavano”. Tutto un programma... Questo, invece, e' un approfondimento in inglese (su Nature), pubblicato qualche mese fa: Nanotechnology: Armed resistance. Nature assesses the aftermath of a series of nanotechnology-lab bombings in Mexico — and asks how the country became a target of eco-anarchists.

Nell'immagine: la polizia messicana di fronte al Monterrey Institute of Technology, ove un pacco-bomba esplose nel 2011.

Nessun commento: