19 febbraio 2013

Prenderesti una pillola per evitare il divorzio?

Lampo bioetico/relazionale. Prenderesti una pillola per evitare il divorzio? O per potenziare il tuo rapporto di coppia (no, la pillola in questione non e' blu...) E soprattutto: sarebbe etico? Queste le domande bioetiche sollevate da Brian Earp, Anders Sandberg e Julian Savulescu dell'Universita' di Oxford. Le sostanze discusse sono l'ossitocina e l'MDMA, ma il progresso nelle neuroscienze permette di intravedere all'orizzonte medicinali molto piu' mirati, e visto quanta importanza diamo alla nostra vita di relazione, non solo con i nostri partner, ma anche con amici, colleghi, etc, sospetto che questo aspetto del potenziamento umano a venire attirera' sempre piu' ricerca e che sara' sempre piu' discusso...

Due articoli al proposito (hat-tip a Andart):

The Atlantic: The Case for Using Drugs to Enhance Our Relationships (and Our Break-Ups). A philosopher argues that taking love-altering substances might not just be a good idea, but a moral obligation. 

Salon: Should we medicate parents to prevent divorce? An Oxford ethicist argues taking "love-enhancing" drugs could be a moral imperative for modern parents

Nessun commento: