24 febbraio 2013

La Silicon Valley premia le ricerche che puntano all’immortalità

Da Scienze Fanpage: "Annunciato a sorpresa un premio da 3 milioni di dollari per gli scienziati autori di scoperte rivoluzionarie nella medicina. Tra i fondatori, Mark Zuckerberg e Sergey Brin. Sarà perché vogliono restare “forever young”, così da continuare a rivoluzionare il mondo con le nuove tecnologie – e continuare a fare soldi. Sarà perché recentemente tra i consulenti di Google è stato assoldato Ray Kurzweil, celebre guru della postumanità e convinto sostenitore che entro la metà del secolo l’uomo (o almeno l’uomo occidentale di tenore medio-alto) diventerà immortale. Fatto sta che ora dalla Silicon Valley intendono fare sul serio e arriva così un premio da 3 milioni di dollari che ogni anno sarà elargito agli scienziati che avranno realizzato innovazioni rilevanti nelle scienze della vita. Si chiama “Breakthrough Prize”, che da noi si traduce come “premio per le scoperte fondamentali” ma poco appropriatamente, perché in inglese breakthrough vuol dire svolta radicale, scoperta di rottura, roba insomma di quelle che cambiano il mondo. Come Google, o come Facebook. E infatti tra i finanziatori del premio c’è proprio Sergey Brin, fondatore di Google, e Mark Zuckerberg, fondatore e CEO del social network per eccellenza."

Il sito del Breakthrough Prize in Life Sciences

Nessun commento: