9 gennaio 2013

Frankenstein incompreso


Segnalo una recensione di Frankenstein, di Mary Shelley, un romanzo i cui echi ancora sentiamo nei dibattiti su Ogm, potenziamento umano, cellule staminali, etc. L'autore (Marco Crosa) mette i puntini sulle i e chiarisce che il suo impiego, come spauracchio anti-scienza da parte di neoluddisti e bioconservatori, non sia giustificato dal contenuto del romanzo. Non posso dire di essere completamente d'accordo con Crosa per quanto riguarda il ruolo di individualismo e profitto nel "problema scienza", ma trovo questa sua recensione estremamente necessaria e penso che sara' particolarmente apprezzata dai lettori di questo blog.

Ci sono storie radicate profondamente nella cultura e così spontanee alla mente da sembrare naturali, indiscutibili, innate. Sono storie eterne perchè senza memoria; sviluppate nel tempo del Mito si trascinano invisibili di generazione in generazione. Chiamate da Jung archetipi vengono continuamente riplasmate, anche in epoche moderne, senza perdere il loro alone di immortalità. Qui sta forse il segreto nascosto del Frankenstein di Mary Shelley, madre di fantascienza. Dalla mitologia il romanzo prende in prestito le idee della creazione e dell’acquisizione della conoscenza con un riferimento esplicito a Prometeo, la divinità greca che forgiò l’uomo con l’argilla e che, per avergli restituito il fuoco – simbolo dell’evoluzione tecnico-scientifica – venne punito da Zeus per l’eternità. La fama e la diffusione popolare del romanzo però non hanno impedito la nascita di fraintendimenti e rielaborazioni, fissati nell’ immaginario collettivo da successive trasposizioni teatrali e cinematografiche. Il romanzo originale non ha niente a che vedere con quel mostro sbandierato dallo scetticismo antiscientifico che invade oggi i dibattiti della bioetica e non è assolutamente un manifesto contro la tecno-scienza e le sue invasioni di presunte prerogative divine. L’ argomento Frankestein utilizzato dai detrattori della scienza non trova, nelle sue modalità, alcun riscontro nel testo: i riferimenti mitici del romanzo rimangono sempre pure metafore letterarie.  L’opera di Shelley è nata come storia di orrore e parla di passioni umane, di convenzioni sociali, di scienza e di solitudine, tanta solitudine. Se una critica alla conoscenza scientifica è presente allora va ricercato in questi ambiti. Frankenstein, o il Moderno Prometeo è un romanzo di fantascienza da una forte connotazione umanista.

Leggi tutto, su Filosofi Precari.

Nessun commento: