6 novembre 2012

Nel 2081 saremo tutti uguali...



Negli USA del 2081, l'eguaglianza e' imposta con "handicap" obbligatoriamente indossati da chi dotato di forza, intelligenza, bellezza, etc, superiori alla media. I forti indossano pesi, i belli indossano maschere e gli intelligenti indossano cuffie che producono forti rumori per impedire che traggano vantaggio dalla propria intelligenza.

2081 e' un film del 2009, basato su una storia breve di Kurt Vonnegut, intitolata Harrison Bergeron, e Wikipedia lo descrive come una critica al sistema comunista tramite l'uso di uno scenario distopico-iperbolico.

Forse interessante, ma sicuramente off-topic, direte voi... Certo, ma provate a sostituire le capacita' innate con future tecnologie di potenziamento umano e lo scenario distopico che ci troviamo davanti e' quello di un oppressivo governo anti-transumanista, il cui obiettivo e' di stroncare le ali alla diversita' e creativita' di quell'umanita' potenziata che intravediamo all'orizzonte...

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Secondo me è più probabile una forma di Potere che tenda a DEPOTENZIARE gli esseri umani, più che consentirne il potenziamento...

Anonimo ha detto...

ritengo che un simile scenario sia più probabile in europa che negli usa,dal momento che ideali come l'egalitarismo radicale e il collettivismo sono molto più diffusi qui che in usa.in effetti in america simili idee sono quasi inesistenti.

Anonimo ha detto...

ritengo che un simile scenario sia più probabile in europa che negli usa,dal momento che ideali come l'egalitarismo radicale e il collettivismo sono molto più diffusi qui che in usa.in effetti in america simili idee sono quasi inesistenti.