22 novembre 2012

Nanotecnologie: Ray Kurzweil intervista Robert Freitas (2)


Ecco la seconda parte dell'intervista (un bonus del dvd The Singularity is Near). Robert Freitas su Wikipedia.

Qualche passaggio di particolare interesse:

Freitas discute il suo concetto di vasculoid, un sistema nanorobotico fluido che prenderebbe il posto del sangue in un paziente. Dato che circa il 9% della massa corporea del paziente sarebbe a quel punto artificiale, Freitas sospetta che si comincera' a discutere cosa significhi essere umani.

Nuove leggi e robusto software engineering saranno necessari per evitare l'abuso (hacking?) dei sistemi nanorobotici. Freitas prevede che la continua diffusione di arti prostetici rendera' tali misure necessarie prima dell'arrivo dei primi nanorobot.

L'approccio di Freitas all'uso di sistemi nanorobotici all'interno dell'organismo e' di utilizzarli per interventi specifici per poi estrarli. Soprattutto nel caso di sistemi autoreplicanti, il cui utilizzo in nanomedicina sarebbe comunque non necessario (se si autoreplicano, significa che utilizzano componenti dell'organismo a questo scopo...)

Qui la prima parte dell'intervista.

Nessun commento: