11 maggio 2012

O la cavia o la vita

«È inutile illudersi che i test su cellule in vitro e simulazioni al computer possano sostituire i modelli animali*. Se decidessimo di farne a meno, dovremmo rassegnarci a tempi di sperimentazione immensamente più lunghi, e a introdurre sul mercato farmaci meno sicuri, senza avere alcuna idea su dosaggi ed effetti collaterali». Leggi tutto, sul sito dell'Associazione Luca Coscioni (e' una serie di articoli da Panorama contenenti vari punti di vista).

*in tempi brevi, aggiungo io.

1 commento:

Ugo Spezza ha detto...

Solo per aggiungere che la sperimentazione su animali e'sicuramente necessaria per avere farmaci innovativi e affidabili, ovvero privi di nefasti effetti collaterali che solo una corretta sperimentazione puo' eliminare. Direi pero che tale sperimentazione dovrebbe essere condotta solo su farmaci 'necessari'', non certo per cosmetici come purtroppo talvolta avviene.