22 dicembre 2011

Il Grande Fratello e' in arrivo

L'accelerazione del progresso tecnologico, da queste parti, e' vista come generalmente positiva, ma allo stesso tempo siamo perfettamente coscienti che una tecnologia puo' anche essere utilizzata a fini tutt'altro che condivisibili... Secondo un rapporto del Brookings Institute (Recording Everything: Digital Storage as an Enabler of Authoritarian Governments) il Grande Fratello (questo, non questo!) e' in arrivo. Registrare ogni telefonata fatta da ogni cittadino di una nazione di 50 milioni di abitanti costa meno di 3.000 dollari l'anno, ed entro il 2015 il costo, sempre per un anno, scendera' a due centesimi di dollaro per cittadino. Quando Gheddafi ha perso il controllo di Tripoli si e' scoperto che poteva registrare dai 30 ai 40 milioni di minuti di conversazioni telefoniche al mese, e che avesse accesso alle mail di molti rivoluzionari (hat-tip a KurzweilAI.net). Aggiungo io che se nelle mani delle autorita' di paesi democratici (e sottoposte a stretti controlli) questi potrebbero essere potenti strumenti nella lotta alla criminalita', e' ovvio che nelle mani sbagliate possono aprire la strada alla repressione. Per fortuna, il singolo cittadino puo' sfruttare gli stessi progressi tecnologici per monitorare le attivita' di chi e' in potere (almeno fino a un certo punto): ricordatevi il termine sousveillance, ne risentirete parlare...

Immagine: il Grande Fratello di George Orwell

Nessun commento: