5 agosto 2011

Compiti per le vacanze immortalisti...

Immortalita': va tutto bene finche' il sole non diventera' una supernova.

L'idea dell'immortalita' fisica e' circondata da confusione e preconcetti. Da una parte cio' e' piu' che comprensibile: millenni di razionalizzazioni e di speranze di salvezza metafisiche non possono scioglersi davanti alla semplice promessa della sconfitta dell'invecchiamento che molti di noi intuiscono all'orizzonte. Dall'altra, pero', il tutto e' alquanto frustrante... Un povero immortalista si trova spesso a confrontarsi con prese di posizione la cui logica e' fallace, ma le cui profonde radici nel subconscio della nostra specie le rendono quasi inestirpabili.

Ecco quindi questi "compiti per le vacanze" semiseri per aspiranti immortalisti: date un'occhiata a questi tipici esempi di mortalismo strisciante ed evidenziatene gli errori logici (ho tradotto liberamente le didascalie per i non-anglofoni).

Noi tutti moriremo. L'obiettivo non e' vivere per sempre, ma creare qualcosa che vivra' per sempre.

Immortalita': o Dio, no, ti prego! Un destino peggiore della morte.
Top image: IMMORTALITY: It's all fun and games until your sun supernovas, by Rev.Xanatos Satanicos Bombasticos (ClintJCL)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

E facciamo i compiti ^^

1) Guardando avanti fino al tempo in cui il Sole si spegnerà, l'uomo avrà innumerevoli opzioni per sopperire a tale problema, dal semplice andarsene altrove fino ad arrestare lo spegnimeno del Sole stesso, passando per l'uploading ecc.

2) Rassegnarsi ad una condizione che PARE immutabile o che addirittura è considerata giusta da mantenersi tale.

3) Al di là del fatto, lapalissiano, che se una vita immortale risultasse noiosa ci sarebbe sempre l'opzione di terminarla, grazie, ma preferisco vivere.
Peraltro, sono convinto che questo sia un falso problema: nessuno, avendo realisticamente l'immortalità a portata di mano, sceglierebbe di rinunciarvi in virtù di chissà quali ragionamenti filosofici.
In altre parole, la favola della volpe e dell'uva.

Estropico ha detto...

Bene, bravo, sette piu'! ;-)