7 aprile 2011

Divisi, direzione infinito? Cattolici e transumanesimo

Avrei voluto approfondire, ma poi non sono riuscito a dedicargli il tempo che si merita e ormai e' roba del mese scorso... Ergo, questa segnalazione lampo: Insieme, direzione infinito e' un articolo dell'Avvenire che si occupa, fra le altre cose, di transumanesimo e che dimostra quanto ancora frainteso sia il termine - anche se sospetto che, piu' che frainteso, essa sia usato come spauracchio, almeno in questo caso. Per fortuna neanche i cattolici sono un blocco monolitico (qui un esempio, su Estropico).

3 commenti:

Anonimo ha detto...

Dall'articolo:

Credenti e atei devono rigettare quel «superamento dell’uomo» inventato proprio qui, all’Unesco, nel 1957, dal suo leader Huxley.

Mi sembra evidente che dalle gerarchie vaticane c'è una totale chiusura verso il transumanesimo!

Bugbear ha detto...

ok, un paio di commenti da Cristiano interessato al transumanesimo

1) Avvenire non è il Messaggio Cristiano, è solo un'altra roccaforte di bigottismo, pressapochismo e ottusità mascherate di buonismo che oggi sporcano l'immagine del messaggio cristiano, favorite dall'attuale papa. Capisco l'esigenza, per un ateo quale estropico, di relazionarsi a fonti ufficiali (visto che non sei interessato al messaggio spirituale) dunque capisco l'importanza di cogliere questi segnali ma, ti prego, tieni in considerazione la distinzione che ti ho fatto, almeno per rendere un po' di giustizia ad un messaggio, quello dei vangeli, che ha interessato persone per 2000 anni almeno nella stessa misura in cui questo bigottismo gretto le ha disgustate;
2) il dialogo tra cristiani e transumanisti che hai qui su estropico è stato un momento importante, e sai bene quanto ti stimo e quanto stimo il rispetto con cui l'hai affrontato. Se ti ricordi, però, all'epoca ti feci un commento, e cioè che oggi una parte della gerarchia ecclesiastica instaura una serie di "dialoghi" a vari livelli con quelli che vengono definiti "atei rispettosi": ateo rispettoso è un ateo che durante non rompe troppo le scatole con troppe domande scomode, che non preme troppo quando non gli dai una risposta troppo chiara, che non mette troppo in discussione cose alle quali una parte della gerarchia è troppo attaccata (spesso quelle non troppo ben documentate nel vangelo e che lasciano spazio a "interpretazione"). Da cristiano ti dico che spesso l'ateo rispettoso è preferito, nei dibattiti, al cristiano critico (quella forma di cristiano che crede al Messaggio Cristiano ma non è daccordo con certe interpretazioni che ne sono state date e lo dice, e quando non riceve una risposta ti dice che non gli hai risposto).

PERTANTO
fai bene a continuare a cercare un dialogo, ma non stupirti se dall'altra parte sembra ci sia ancora tanta strada da fare: non è ottusità, è solo che c'è un'altra agenda.
Io, da cristiano, ti dico che ci sono alcuni aspetti su cui Cristianesimo e Transumanesimo si incontreranno mai, e te lo dico in una parola: metafisica.
Per il transumanesimo l'anima non esiste e il tutto è creato dalla fisica.
Per il cristianesimo l'anima esiste, non è succo di cervello, non riuscirai mai a trasferirla su substrato elettronico, e il tutto è stato creato dal Dio del Vangelo.
Su questi punti non ci sarà MAI un incontro e chiunque ti dica che ci si può incontrare sta solo cercando di convertirti. Io non sto cercando di convertirti (mi conosci da un paio d'anni dunque lo sai), rispetto le tue idee e sono affascinato dal messaggio transumanista dunque fidati di me quando ti dico che quello che c'è scritto in quell'articolo non è un fraintendimento, è semplicemente malafede.

pervertire il concetto di "usare la tecnica per migliorare la vita e il mondo" in "solo dalla tecnica e non dallo spirito può venire il benessere" (che è ovviamente facile da rifiutare per qualsiasi cristiano) è una tecnica retorica elementare che ha alla sua base un'agenda, non un fraintendimento: l'agenda è mantenere il controllo spirituale e morale.

il motivo per cui ti dico queste cose è che da cristiano io disprezzo questo modo di fare, e trovo che sia un'offesa alla potenza del messaggio del vangelo. Io, che sono un credente di questo messaggio, sono convinto alla fine il messaggio transumanista troverà una sua naturale integrazione con il messaggio del vangelo, un'integrazione che per molti versi c'è già (migliorare lo stile di vita del mondo, il benessere, il sapere...non sono certamente messaggi anticristiani!)

Estropico ha detto...

Tranquillo, Bugbear, non mi stupisco e quanto ho segnalato non mi fara' certo cambiare strada. Ho segnalato l'articolo in questione solo in quanto mio "dovere", nel senso che non posso segnalare solo i segnali positivi che arrivano da parti dall'universo cattolico, come quelli del convegno linkato in fondo al mio post, ignorando invece quelli negativi che arrivano da altre parti. Grazie per il tuo contributo e torna spesso a trovarci!
Ciao,
Fabio