19 gennaio 2011

I panni sporchi della crionica: lavati in pubblico

Melody Maxim e' un'ex dipendente della Suspended Animation (SA), l'organizzazione che offre servizi di "stabilizzazione" a chi vuol farsi criopreservare da organizzazioni crioniche quali la Alcor o il Cryonics Institute. Assunta come perfusionista, la Maxim ha certamente subito uno shock culturale notevole, passando dall'ambiente di un ospedale a quello francamente piu' fai-da-te della crionica. Qualche tempo dopo, se n'e' andata - sbattendo la porta. In seguito, ha aperto un blog (Cryonics Meets Medicine) profondamente critico dei servizi offerti dalle varie organizzazioni crioniche, accusate dalla Maxim di essere poco o niente professionali. Dico subito che lo stile del blog non e' esattamente distaccato... e leggendolo mi sono rapidamente fatto l'impressione che le opinioni della Maxim siano spesso influenzate da vecchie dispute con i propri ormai ex-colleghi - e il tono ne soffre. A volte sembra che la sua sia una crociata anti-crionica nella quale l'unica cosa che conti sia il trovare sordide accuse da scagliare contro questo o quel crionicista. Detto questo, molte delle critiche della Maxim sono tutt'altro che irragionevoli ed e' per questo che ho incluso il feed rss del suo blog, per quanto controverso esso sia, nella colonna di destra del blog. E se a volte la sua irruenza porta a lavare i panni sporchi in pubblico (qui un recente esempio), tant'e' - purche' si lavino... A volte, invece, temo che questa sua irruenza la porti a conclusioni affrettate, come nel caso dell'articolo del quale voglio occuparmi oggi, nel quale accusa Max More di apologia della pedofilia e del satanismo (il tutto in seguito alla nomina di More ad amministratore delegato della Alcor).

La seconda accusa mi sembra sia dovuta ad un'interpretazione letterale dell'articolo in questione, invece di una interpretazione simbolica (come chiaramente suggerito da More nel primo paragrafo dell'articolo stesso). Forse possiamo dire che la metafora luciferina adottata da More non sia stata una scelta delle piu' felici, avendo dato il fianco ad accuse come quelle della Maxim, ma i paralleli con la situazione emersa recentemente circa le attivita' "sataniche" di un altro crionicista mi sembrano superficiali.

L'altra accusa, invece, e' piu' seria e piu' fondata. Sono andato a leggere l'articolo in questione ("Sex, Coercion, and the Age of Consent" - Pdf ) e la mia reazione e' stata la stessa della Maxim: orrore e incredulita'. L'errore di More, perche' di serio errore si tratta, e' quello di assumere che un rapporto sessuale fra un adulto e un minore possa essere consensuale, ignorando completamente il fatto che l'adulto si trova in una posizione di forza intrinsecamente privilegiata.

A quel punto, pero', le nostre strade (la mia e quella della Mamix) divergono. Essendo un fan degli scritti di More (come dimostrato dai suoi molti articoli tradotti per Estropico) e avendo in seguito anche avuto occasione di conoscerlo personalmente, ho trovato difficile riconciliare il contenuto di quel particolare articolo con il resto dei suoi scritti - e con l'uomo. E ho notato che la data di pubblicazione dell'articolo e' il 1981, cioe' esattamente trent'anni fa. Il che, secondo Wikipedia, significa che More aveva, ai tempi, 17 anni.

Ho quindi scritto a More, chiedendogli se avesse mai pubblicato una ritrattazione o un chiarimento, da qualche parte. La sua risposta e' stata la seguente (riassumo e chiarisco che sono stato autorizzato a pubblicare quanto discusso in quella che e' stata una serie di comunicazioni private):

Innanzitutto si tratta di un articolo che More non aveva riletto da anni. Pur restando un sostenitore della liberta' di parola (anche per coloro con i quali e' in profondo disaccordo), oggi More non sostiene piu' quanto scritto da adolescente. A quell'eta' stava esplorando i limiti del libertarianismo radicale, ma si e' spinto troppo in la' sul tema dell'eta' del consenso [l'articolo appare sul sito della britannica Libertarian Alliance, More ai tempi era fortemente libertarian, ed e' firmato Max O'Connor, il suo nome prima che lo cambiasse tramite deed pool]. More ha deciso di scrivere un chiarimento piu' approfondito, ma al momento lo inviera', privatamente, solo a chi lo contattera' al proposito.

Concludo facendo notare che la Maxim, ha fatto seguito al post qui commentato con altri due post sul tema (qui e qui), nei quali sembra avere dei dubbi su quanto da lei scritto o, piu' precisamente, sulla necessita' o meno di contattare More per chiarire la questione. Il mio consiglio alla Maxim: mandi un'email a More. Ne potrebbe essere piacevolmente sorpresa...

Nessun commento: