20 marzo 2010

Letture: fantascienza ottimista

Il catastrofismo vende, su questo non ci son dubbi. Anche quando, logicamente, riusciamo ad intravedere la possibilita' di scenari futuri positivi, siamo pur sempre affascinati dalle rappresentazioni delle nostre possibili apocalissi. Su una vecchia lista transumanista internazionale, qualche anno fa, qualcuno aveva creato un neologismo per descrivere questa ossessione del grande pubblico col cine-catastrofismo: disasturbation (lo lascio in inglese...) Ecco quindi un'antidoto, un sito dedicato alla "fantascienza positiva" nel quale mi sono appena imbattuto: Shine (ma vi avverto che il sito non e' il piu' facilmente navigabile che abbia mai visitato). C'e' anche una pubblicazione cartacea (Shine: An Anthology of Optimistic SF), qui su Amazon. Fra gli autori, Alastair Reynolds (uno dei miei preferiti degli ultimi anni), Kay Keyon e Jason Stoddard. Speriamo che anche Hollywood se ne accorga...

Nessun commento: