4 febbraio 2010

Rodiola

La Rodiola crese nelle montagne siberiane, detta anche "Radice d'oro", è apprezzata per le sue numerose proprietà salutari. E' definita come "adattogeno", quindi aiuta la resistenza dell'organismo agli stress di varia natura. Effetti principali:

Potenziatore cognitivo: Favorisce in generale le capacità di apprendimento e di memoria, conosciuta dalla medicina popolare siberiana, sono state provati scientificamente e pubblicati studi su riviste accreditate già negli anni ’70. Veniva utilizzata, come tonico e stimolante per aumentare la concentrazione, dagli astronauti Russi. Tali proprietà sono riconducibili alla presenza di glicosidi fenilpropanoidici, in particolare il salidroside e la rosavina, la cui struttura chimica è simile a quella della siringina (eleuteroside B), uno dei principi attivi dell’eleuterococco.

Potenziatore fisico: La Rodiola è in grado di incrementare la capacità nel lavoro fisico, di diminuire la fatica e di migliorare lo stato generale, fisico e mentale dei soggetti testati. E' molto usata in russia dagli atleti ed è stata usata persino dai cosmonauti. Per capire meglio l'importante effetto sulle prestazioni fisiche, l'estratto di Rhodiola fu utilizzato da vari atleti in condizioni sperimentali. Durante gli esperimenti effettuati con 112 atleti, l'89% di quelli a cui era stato somministrato l'estratto di Rhodiola, mostrarono un più veloce recupero dalla fatica, una minore apatia dopo il lavoro fisico ed un miglioramento delle prestazioni in sport come: atletica leggera, nuoto, pattinaggio su pista e gare di sci. La velocità e la resistenza degli atleti erano significativamente migliorate, rispetto al gruppo di controllo al quale era stato somministrato un placebo.

Antiossidante e anticancro: produce effetti antiossidanti e migliora le difese immunitarie. La Crenulatina, un componente chimico della Rhodiola, preserva le cellule epatiche inibendo la produzione di perossido lipidico. Può anche aumentare l'attività del siero SOD (un antiossidante naturale nel corpo ed un enzima chiave nel metabolismo dell’ ossigeno), diminuire i radicali liberi e migliorare l'attività virale delle cellule. La Crenulatina, inoltre, ritarda lo sviluppo e la proliferazione di cellule tumorali nel tessuto polmonare umano, contribuendo a ridurre il tasso di mortalità correlato a tale patologia e, proteggendo il sistema ematopoietico (regola lo sviluppo e la formazione dei tumori).

Azione antidepressiva: è dimostrato che un integratore di questa pianta, agendo come regolatore della serotonina, è in grado di avere effetti antidepressivi simili a quelli delle benzodiazepine ma senza gli effetti collaterali di queste ultime.

Azione dimagrante: ha la proprietà di fermare la richiesta eccessiva di cibo a livello del sistema nervoso centrale (fame nervosa). Innescando a livello fisico un più rapido ciclo dell'ATP favorisce il consumo dei grassi.

Controindicazioni: Nessun effetto tossico, però va presa solo al mattino in quanto l'effetto stimolante potrebbe produrre turbe del sonno.

Integratori: sono da preferire integratori che contengono almeno il 2% di rosavina e 1% di salidroside.

Picture credits: rhodiola rosea, by anticlimax

1 commento:

Franco Fiori ha detto...

L' ashwagandha ( withania somnifera ) è ancora meglio, nell' ayurveda è considerata la pianta medicinale più importante e completa.