6 novembre 2009

Su Estropico: Intervista ad Andrea Vaccaro

Un'affascinante intervista ad Andrea Vaccaro, autore di L'ultimo esorcismo. Filosofie dell'immortalita' terrena, ed esponente di quello che potremmo definire transumanesimo cattolico, o singolaritanismo cristiano (vedi sotto). In esclusiva, su Estropico.

Come ti descriveresti? Transumanista, longevista, immortalista, o che altro?

Credo che in un futuro imminente l’umanità potrà rimanere in vita fino al Big Crunch (quello che anticamente si chiamava ‘apocalisse’) e, dopo quell’evento, ciascun uomo proseguirà a vivere, in eterno (cioè fuori dal tempo), o in uno stato di beatitudine o in un altro meno invidiabile. Adesso occorre che mi aiuti tu o qualcun altro comunque più addentro di me in questa cultura per coniare la definizione appropriata. Devo confessare, peraltro, che molte sfumature mi sfuggono. Preferisco studiare per autore più che per movimenti e ho non poche difficoltà poi a inserire un pensiero individuale all’interno di questa o quella categoria. In senso generale, l’«Ich bin ein Singularitarian» di Kurzweil mi sembra il complesso di idee più solido, coerente e largamente da apprezzare. In omaggio alla distinzione storica di Sartre tra “esistenzialismo ateo” ed “esistenzialismo religioso”, potrei scegliere l’espressione “singolaritanismo cristiano”. Leggi tutto, su Estropico.

1 commento:

Bugbear ha detto...

Grandissimo Andrea Vaccaro!

ha dato corpo in maniera molto chiara e lucida ad una serie di riflessioni che avevo in background

grazie mille