19 maggio 2009

Un simulatore artificiale per la ricerca sulle malattie

I ricercatori dell'Università di Granada hanno sviluppato un simulatore, chiamato EDLUT, che può riprodurre qualsiasi parte del sistema nervoso di un corpo, come retina, cervelletto, centri uditivi o centri nervosi. Questo progresso scientifico permette ai ricercatori di analizzare e comprendere le funzioni dei centri nervosi, di fare ricerca nel campo delle nuove patologie e delle malattie o di sperimentare nuovi farmaci, ma sarà anche utile per migliorare macchine e robot ispirati al corpo umano e al sistema nervoso. Questo simulatore è stato sviluppato dal gruppo di ricerca CASIP, del dipartimento di Architettura e Informatica dell'Università di Granada, a cui il professore Eduardo Ros Vidal (coordinatore del progetto sul simulatore artificiale) appartiene. A differenza di altri simulatori delle precedenti versioni, EDLUT consente di simulare diverse centinaia di migliaia di neuroni allo stesso tempo, invece di diverse decine. Ciò è possibile grazie al fatto che il simulatore "compila" il comportamento di un neurone o di diversi tipi di neuroni in una prima fase e in seguito simula sistemi neuronali di medie e grandi dimensioni basati su questi modelli pre-compilati. "Questo di fatto segna un progresso tecnologico essenziale e incide indiscutibilmente sulla qualità della simulazione nervosa", spiega il professor Eduardo Ros. Un altro importante vantaggio del simulatore sviluppato presso l'Università di Granada è che si tratta di software libero, che può essere liberamente scaricato su Internet qui. In questo senso, EDLUT significa "un'innovativa versione con riguardo ad altri simulatori come NEURON e GENESIS", nelle parole di Ros, e con riguardo a quelle imprese del settore biotecnologico o centri di ricerca interessati in questo settore che possono usarlo liberamente e adattarlo alle proprie esigenze. Da: ScienceDaily (by David)

Nessun commento: