10 marzo 2009

Roboetica militare: possiamo fidarci di un robot armato?

La risposta e' negativa secondo il roboticista Noel Sharkey, il quale considera troppo ottimistico un recente rapporto sugli aspetti etici della robotica militare (gia' segnalato qui). Dal New Scientist: "[il rapporto] sostiene la solita vecchia idea che i robot potrebbero essere piu' etici dei soldati, in quanto incapaci di rabbia o di volersi vendicare, ma i robot sono anche incapaci di empatia e non possono distinguere fra soldati e civili innocenti."Mi chiedo quanto insormontabili siano questi problemi, ma la crescente tensione in Afghanistan, per esempio, sul numero delle vittime civili delle incursioni americane, potra' solo spingere chi programmera' tali robot verso la loro soluzione. E tant'e' se le motivazioni saranno un misto di umanitarieta' e di convenienza politica: così va' il mondo...

Nessun commento: