7 settembre 2008

"Turingato" anche il gioco del Go

Mi sono occupato, recentemente, della prima vittoria di un computer in un torneo di poker e ora leggo sul blog di Kevin Kelly, con un po' di ritardo, che i computer hanno conquistato un altro campo fino ad ora riservato all'uomo, quello del Go, l'antico gioco da tavolo di origine cinese. La somma totale delle mosse possibili nel Go e' molto superiore a quella degli scacchi, il che aveva portato molti fan del gioco a credere che fosse destinato a rimanere per sempre inaccessibile ai computer, almeno ai livelli piu' alti. Il 7 agosto, pero', MoGo ha battuto un professionista del Go, nientemeno che un ottavo dan. Non si tratta di uno dei giocatori di professione piu' esperti (nono dan) e in seguito MoGo ha perso due partite, ma e' sicuramente una pietra miliare. E' stimato che MoGo sia oggi fra il secondo e il terzo dan. Kelly usa un divertente neologismo per descrivere quanto e' successo al Go (e, in precedenza, a scacchi, poker, al guidare una macchina, etc, etc): "turingato" ("turing'd"). Il riferimento, ovviamente, e' al test di Turing e sicuramente Alan Turing ne sarebbe fiero...

Nessun commento: